Oggi è Mercoledì, 25 Apr 2018, ore 07:49
Utenti : 561
Contenuti : 321
Link web : 56
Tot. visite contenuti : 3131606

XD Web Radio

a cura del Radio Club Victor Charlie Vercelli
XD_Web_Radio

Accesso area riservata



TS3 FIR-SER NAZIONALE

www.fircb.org    
2° TRAINING RADIO TASK FORCE PDF Stampa E-mail
Sabato 17 Maggio 2014 08:19

 

2° Training RADIO TASK FORCE 2014

F.I.R. - S.E.R.

BREMBIO - CASALPUSTERLENGO

 

 

Il concetto della Radio Task Force, nasce dalla esperienza del terremoto abruzzese del 2009. Nell’occasione la Federazione Italiana Ricetrasmissioni dovette svolgere le sue operazioni in una delle isole operative della Direzione di Comando e Controllo allestita dal Dipartimento della Protezione Civile presso la caserma della Guardia di Finanza di Coppito, vicino l’Aquila. Seppur sia stata un pieno successo, la campagna Sisma Abruzzo 2009 evidenziò tutta una serie di criticità all’interno della struttura operativa della FIR. Da una parte la presenza di una dotazione tecnico/materiale eterogenea e dall’altra un personale molto capace e flessibile ma con un imprinting operativo ed un modus operandi molto diverso da associazione ad associazione. Da non sottovalutare anche che non sempre si ha una Dicomac a disposizione. Il problema della logistica doveva essere affrontato alla radice.

 

 

Da allora molta acqua è passata sotto i ponti e la RTF, realizzata con il contributo economico del DPC, si è affacciata al mondo del soccorso in modo innovativo; tagliato su misura sulle esigenze del Servizio Emergenza Radio. Un piccolo nucleo di volontari, dotati di una logistica leggera e molto flessibile, con a disposizione attrezzature informatiche e di radio telecomunicazioni allo stato dell’arte. Un team avanzato composto da un mezzo poli-logistico, 3 pick-up, 3 furgoni, di cui uno 4X4, ed un carrello ponte radio su tecnologia digitale DMR. Al momento della stesura di queste righe tutto il materiale è concentrato presso la sede della FIR Nazionale a Brembio (LO).

All’interno dei protocolli operativi che regolano il rapporto con il Dipartimento è prevista anche una sessione annuale di aggiornamento tecnico operativo per il personale destinato alla Task Force; per FIR CB questo evento è noto come “RTF TRAINING”. Il 2013, e prima ancora il terremoto dell’Emilia dell’anno precedente, ha portato con se una ulteriore novità. Il XVesimo Congresso Nazionale della Federazione Italiana Ricetrasmissioni, tenutosi a Siracusa, ha deliberato di dare vita anche ad un modulo per l’assistenza alla popolazione: la Logistic Task Force. Ancora in fase di allestimento quest’ultima avrà sede a Fano, (PU). Una rivoluzione copernicana per una associazione di volontariato da sempre orgogliosa del proprio “core business” nelle comunicazioni alternative.

Il Training RTF 2014 si è svolta nei giorni 8 9 10 ed 11 maggio nel lodigiano in un contesto che prevedeva un evento, anche non strettamente calamitoso, capace di fare collassare le comunicazioni tradizionali con annesso un certo qual numero di sfollati. Dopo l’ammassamento delle risorse nella giornata di giovedì, il venerdì è stata tutto impegnato nella formazione teorica del personale dedicato alla Radio Task Force. Nell’occasione ha debuttato l’embrione della futura LTF, sperimentando una integrazione fra questi due elementi anche con la Unità di Crisi Nazionale, la sala operativa nazionale della FIR. Un test che ha coinvolto soprattutto il materiale umano. Fra i molti obiettivi si doveva dare vita ad forma mentis del tutto nuova per FIR come quella logistica.

L’impianto della prova di soccorso prevedeva, nella notte di venerdì 9, una attività di ricognizione di una area di ammassamento inserita nel piano di Protezione Civile di Casalpustrlengo,  come ricovero per 250 persone. Il sindaco, Flavio Parmesani, l’assessore Luca Peviani ed il dirigente della polizia locale, Laura Chiesa, hanno consegnato le chiavi di questo spazio nelle mani del Presidente Nazionale della FIR, Patrizio Losi, e del Coordinatore Nazionale del SER, Saverio Olivi.

RTF ha subito installato una piccola area per la propria logistica cercando di attivare il collegamento satellitare con la UCN, risolto in circa 10 minuti orologio alla mano. LTF ha invece iniziato la propria attività illuminando a giorno l’area di ammassamento, valutata in un rettangolo di 200 metri per 30. Questa azione ha reso possibile dare vita ai sopralluoghi necessari alla valutazione dei servizi fognari ed elettrici. Dopo un breve briefing veniva comunicato alla Unità di Crisi che si poteva allestire un campo sfollati da 150 ospiti. Il flusso delle informazioni si è invertito poco dopo quando è stata la UCN a comunicare alla Task Force la partenza di una colonna mobile con un tempo stimato di arrivo per l’alba della mattina successiva. Dal punto di vista strettamente operativo il personale logistico ha iniziato le operazioni preliminari alla ricezione della colonna, come segnare le aree per le tende e la futura viabilità interna al campo, mentre gli operatori radio hanno dato vita ad una rete di comunicazioni alternative tipica di uno scenario emergenziale.

Da segnalare anche l’utilizzo operativo di un drone da osservazione messo a disposizione dalla FIR CB di Brindisi. Oltre che con finalità di documentazione questo strumento è stato impiegato nel verificare la corrispondenza fra il lay out del campo previsto nella fase di scouting e quello effettivo a montaggio completo.

La prima fase si è conclusa dopo solo 7 ore dall’ingresso del primo veicolo nell’area di operazioni. I 120 ospiti avrebbero potuto ricevere ricovero in 20 tende tipo P88, con cucina, mensa e 6 moduli bagni, mentre i volontari avevano a disposizione 7 pneumatiche a 4 archi. Nonostante i timori della vigilia, non si è creato nessun ingorgo per i 45 veicoli componenti la Colonna Mobile, anche grazie al buon lavoro preparatoria della sera prima. Una prova di soccorso inusuale per gli standard della Federazione Italiana Ricetrasmissioni, ma perfettamente rispondente agli obiettivi, non ultimo il test della rispondenza delle procedure alle richieste sulla sicurezza che impone il dl 81 anche alle associazioni di volontariato in Protezione Civile. Parole di apprezzamento sono giunte anche dagli studenti della Laurea in Protezione Civile presso l’università di Perugia che hanno partecipato, come osservatori, al “Training RTF 2014”.

Hanno collaborato a questo evento anche il Comitato Provinciale di Lodi della Croce Rossa Italiana, con l’allestimento di un Punto di Assistenza Socio Sanitaria e la componente provinciale di Lodi della Colonna Mobile della Regione Lombardia che ha contribuito all’allestimento dei ricoveri e dei servizi igienici.

 
Benvenuto sul sito della F.I.R. C.B. - S.E.R. www.fircb.org
Aderente alla European Citizen's Band Federation (E.C.B.F.) www.europeancbfederation.eu
Membro alla World Citizen's Band Union (W.C.B.U.)

Notizie Flash

Il Radiomanager Nazionale raccomanda ai Presidenti Regionali di accedere sul sito internet dedicato al censimento dei sistemi di telecomunicazioni in ponte radio per la distrubuzione e la compilazione del censimento tramite il file in PDF compilabile.

www.fircb.org/radiomanager

Il Radiomanager Nazionale.

Chi è On - Line

 152 visitatori online

Calendario Eventi

«   Aprile 2018   »
lumamegivesado
      1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
      

Maggiori informazioni...

Organizzazioni

Link dei siti ufficiali delle Organizzazioni aderenti alla E.B.C.F. e del Dipartimento della Protezione Civile.
Banner

2° SONDAGGIO FIR-CB

Date il Voto sul organizzazione del XIV Congresso Nazionale Martinafranca
 

3° SONDAGGIO FIR-CB

Date il Voto sul organizzazione del XV Congresso Nazionale di Siracusa
 

I cookie vengono utilizzati per migliorare il nostro sito e la vostra esperienza quando lo si utilizza. Cookies impiegati per il funzionamento essenziale del sito sono già stati impostati. Per saperne di più sui cookie che utilizziamo e come eliminarli, vedere la nostra privacy policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Accetto i cookie da questo sito.

EU Cookie Directive Module Information